CATARI

 
                                                                                    
 

Siti Catari

 

L’eresia dei Catari viene erroneamente considerata una mancanza di fede, in realtà la loro "eresia" non nasce dal non credere, ma da un bisogno di credere e di vivere diversamente la propria religione.
Essi intendevano tornare al modello ideale di chiesa descritto nei vangeli e negli atti degli apostoli.
I Catari si caratterizzarono per un radicale anticlericalismo che rimetteva in discussione l’esistenza delle strutture e del personale ecclesiastico.
La Chiesa assunse un atteggiamento estremamente duro nei loro confronti.
La definizione di Catari o Uomini Puri fu coniata dagli stessi adepti. In genere vennero chiamati in modi diversi prendendo il nome dal luogo in cui vivevano: Albigesi da Albi, Concorreziani da Concorrezzo, ecc..
È probabile che i Catari derivino dalla setta dei "Bogomil" che fece la sua comparsa nel X secolo in Bulgaria e si diffuse a Costantinopoli alla fine dell’XI secolo.

Essi professavano una dottrina dualista nella quale Dio e il Demonio avevano pari dignità, e anzi il Demonio avrebbe ingannato il Signore riuscendo poi a far cadere gli angeli e ad imprigionarli nella materia; predicavano una assoluta purezza di vita e rifiutavano i sacramenti tranne il "consolamentum" una specie di battesimo per gli adulti, che permetteva all’avvicinarsi della morte di liberarsi dal peccato. In realtà queste assunzioni di base non erano accettate in tutte le comunità catare nel medesimo modo, e quindi sarebbe più corretto parlare di "catarismi", ovvero di esperienze che, pur rifacendosi ad un dualismo radicale, assumono nel tempo connotati differenti.

Per i Catari ogni Uomo doveva liberare il suo animo dal potere del male che governava il mondo terreno. Il messaggio dei Catari era un invito alla liberazione, e ciascuno doveva seguire la parola di Cristo.
Per i Catari la Chiesa avendo accettato il potere e le ricchezze aveva scelto il male e quindi non era più in grado di offrire alcun aiuto per la purificazione. La salvezza poteva venire solo dalla nuova chiesa dei Catari.
Ogni comunità conservava una sua autonomia resa ancora più grande dal fatto che, a differenza della Chiesa cattolica, non esisteva un’entità centrale incaricata di fissare un’ortodossia comune.

Il fascino esercitato dalla chiesa catara fu molto forte, e questo fu dovuto al rigore morale che la distingueva dalla Chiesa cattolica, composta da uomini molto spesso mediocri e corrotti.

Un altro motivo del successo dei catari fu di tipo dottrinale.

I Catari si erano subito proposti come l’autentica Chiesa di Cristo, quella degli apostoli.

Dopo il Concilio cataro di Saint Felix de Caravan del 1167 si cominciò ad intuire la pericolosità per la Chiesa cattolica, dei Catari.

Papa Alessandro III li condannò come eretici, condanna che venne confermata in seguito da Innocenzo III e Onorio III.

Nel 1206 San Domenico di Guzmàn cercò di predicare contro i Catari, ma non ebbe successo.

San Domenico di Guzmàn

Nel 1208, prendendo come pretesto l'assassinio del suo legato Pierre de Castelnau, papa Innocenzo III promosse la crociata che portò all’annientamento degli "eretici" Catari.

Domenico di Guzman interroga i Catari (Dipinto di Pedro Burruguete) Museo del Prado - Madrid

I nobili della Francia settentrionale guidati da Arnaud Amaury, abate di Citeaux, presero le armi.

Citeaux - Abbazia (Antica illustrazione)

Citeaux (Abbazia)

Citeaux - Abbazia (Interno)

Citeaux - Abbazia (Vetrata)

Citeaux - Abbazia (Chiostro)

Citeaux - Abbazia (Francobollo)

Citeaux - Abbazia (Veduta aerea)

Citeaux - Abbazia (Stemma)

Nel luglio del 1209, Béziers fu presa e distrutta, l'intera popolazione uccisa. Molti cittadini furono bruciati nella chiesa della Madeleine. Ai soldati che gli chiedevano come avrebbero capito la differenza tra i Catari e i buoni cattolici, Arnaud Amaury disse queste famose parole: "Uccideteli tutti, Dio li riconoscerà".
Nel mese di agosto del 1209, fu conquistata Carcassonne.

Domenicani dell'Inquisizione torturano i Catari

I territori dei nobili che avevano appoggiato i Catari furono attribuiti a Simon de Montfort, il capo dei crociati.
Simon de Montfort continuò a combattere e prese Minerve nel mese di luglio del 1210, ove fece bruciare 140 Catari che rifiutarono di ripudiare la propria fede. Caddero tutte le fortezze della regione dove i Catari avevano cercato rifugio : Termes, Puivert, Lastours,… Il popolo chiama questo episodio della crociata "guerra dei castelli", che in realtà fu una vera guerra di conquista territoriale.

Nel mese di luglio del 1213, Simon de Montfort vinse presso Muret (sud di Tolosa) le fortissime armate alleate di Pietro II di Aragona e di Raimondo VI Conte di Toulouse. Pietro II di Aragona fu ucciso durante la battaglia.

Raimondo VI Conte di Toulouse (Miniatura)


Nel 1215 Toulouse fu invasa dai Francesi, ma Raimondo VI di Toulouse riconquistò la sua capitale.

Toulouse (Cartina - Antica illustrazione)

Cartina

Toulouse (Antica illustrazione)

Toulouse (Illustrazione di A. Rouargue)

Toulouse (Illustrazione di T. Allom)

Toulouse

Case

Toulouse (Veduta aerea)

Toulouse (Stemma)

Toulouse (Stemma - Francobollo)

Toulouse (Bandiera)

Raimondo VI entra a Toulouse Stemma di Raimondo VI

Raimondo VI chiede di essere riconciliato con la Chiesa (Dipinto di J. Moreau - Collezione di Toulouse - Museo di Paul Dupuy)


Durante un secondo attacco nel giugno del 1218 Simon de Montfort perì, ucciso da una grande pietra gettatagli addosso dalle donne di Toulouse che difendevano le mura della città.

Simon de Montfort assedia Toulouse - 1218 (Dipinto di J. P. Laurens)

Dopo la sua morte i crociati si disorganizzarono del tutto e nel 1224 furono cacciati da Carcassonne. Il re francese Luigi VIII dovette egli stesso incoraggiare i crociati e promosse una nuova offensiva. Ottenne buoni risultati, a tal punto che Raimondo VII, nuovo Conte di Toulouse, fu costretto a sottoscrivere il Trattato di Meaux (1229).

Nel 1233 papa Gregorio IX creò l'Inquisizione, la cui missione era cacciare e giudicare gli eretici.
La conquista territoriale era compiuta, ma il primo obiettivo della crociata, combattere l’eresia dei Catari, fu una completa sconfitta.

I domenicani avevano la responsabilità dell'Inquisizione. Nel 1242 due Grandi Inquisitori furono uccisi con la loro scorta in Avignonet - Lauragais (un villaggio situato tra Toulouse e Carcassonne) da un gruppo di cavalieri provenienti da Montségur.

A Montségur viveva una comunità catara molto importante, che vi si era stabilita dopo essere stata cacciata da ogni altro luogo. Questo villaggio collocato su un'altura e fortificato, simbolizzando il Catarismo, fu sconfitto dopo un lungo attacco (nove mesi), il 2 di marzo del 1244.
Forse nel loro peregrinare alcuni Catari portarono con sé il Santo Graal, e per salvarlo lo avrebbero nascosto nei sotterranei di questa fortezza.
Secondo Wolfram von Eschembach, il Santo Graal si troverebbe nel castello di Munsalvaesche, che significa "Monte Salvato" o "Monte Sicuro" (Montségur).

Wolfram von Eschembach

Wolfram von Eschembach (Francobollo)

Wolfram von Eschembach (Miniatura)

Wolfram von Eschembach (Statua)


L'unica conferma storica ci viene dagli anni '30, quando due nazisti (Otto Rahn, colonnello delle SS, e il filosofo Alfred Rosemberg, amico di Hitler) indagarono proprio a Montségur e in altre fortezze catare alla ricerca del Santo Graal. Subito dopo le ricerche, di cui mai si seppe alcun risultato, Otto Rahn scomparve misteriosamente (forse venne rinchiuso in un campo di concentramento perché "sapeva troppo").

Il 16 di marzo più di 200 "eretici" furono bruciati al palo di fronte alla cittadella. Il luogo è ancor oggi chiamato "Camp dels Cremats" (Campo dei Cremati) in lingua occitana. Quei pali divennero il simbolo del loro martirio.

Il castello di Quéribus, situato nella regione del Corbières, fu l'ultimo bastione, l'ultima difesa dei Catari, e fu sconfitto e occupato solo nel 1255.

Il re di Francia Luigi IX il Santo immediatamente occupò la regione. La cittadella di Carcassonne fu considerevolmente fortificata.

La Contea di Toulouse fu annessa al Regno Francese nel 1271, quando Giovanna, l'ultima figlia dell'ultimo Conte e suo marito Alfonso, frate del Re Luigi IX il Santo morirono senza figli.

L'ultimo Cataro, Guilhèm Belibaste, fu bruciato al palo nel 1321 a Villerouge Termenès nel Corbières. Ebbe così fine l’eresia dei Catari.
A i giorni nostri esistono dei gruppi che studiano e simpatizzano molto per i Catari. Ad esempio Spiritualitè Chatare e il Centre d’Etudes Chatare di Carcassonne.

 

Aguilar

 

 
Interno
 

Albi

 

 

Cartina

 
 
 
 
 
 
 
 

Cattedrale Sainte Cecile

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Arques

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Cartolina postale
 

Interno

 
 
 

Veduta panoramica

 
 

Carcassonne

 

 
 
Carcassonne capitola (Collezione Toulouse - Museo di Paul Dupuy)
 
 Catari di Carcassonne arrestati
 
Catari al rogo
 
 
Catari massacrati a Beziers
 
Catari uccisi nella Crociata indetta da Luigi VIII Re di Francia
 
Cataro - Guerriero (Miniatura)
 
 

Lastours

 
 

Minerve

 
 

Montségur

 
 
 
 

Peyrepertuse

 
 

Puivert

 
 

Puylaurens

 
 

Quéribus

 
 

Termes

 
 

Villerouge Termenès

 
 
Simon de Montfort (1200-1265) Simon de Montfort
 
Simon de Montfort (Dipinto di C. Jaquande - Collezione di Toulouse - Museo di Paul Dupuy)
 
Simon de Montfort (Busto)
 
Stemma di Simon de Montfort Stemma di Simon de Montfort
 
Stemma di Simon de Montfort
 
Stele in ricordo Stele in ricordo Stele in ricordo
 
Catari - Preghiera
 
“Padre santo, Dio legittimo degli spiriti buoni, che non hai mai ingannato né mentito né errato, né esitato per paura della morte a discendere nel mondo del Dio straniero, perché noi non siamo del mondo né il mondo è nostro, concedi a noi di conoscere ciò che tu conosci e di amare ciò che tu ami. Farisei ingannatori, che state alla porta del regno e impedite di entrare a coloro che lo vorrebbero, mentre voi non volete!Per questo prego il Padre santo degli spiriti buoni, che ha il potere di salvare le anime, e fa germogliare e fiorire per gli spiriti buoni, e per causa dei buoni dà vita ai malvagi e lo farà finché essi vadano nel mondo dei buoni . E lo farà fino a quando non vi sarà più nei cieli inferiori, che appartengono ai sette regni, nessuno dei miei che sono caduti dal paradiso, da dove Lucifero li ha tratti con il falso pretesto che Dio non prometteva loro altro che il bene, mentre il diavolo nella sua grande falsità prometteva loro sia il male che il bene. E disse che avrebbe dato loro donne che avrebbero amato moltissimo e avrebbe dato signoria agli uni sugli altri, e che vi sarebbero stati fra loro re e conti e imperatori, e che con un uccello ne avrebbero catturato un altro e con una bestia un’altra, e disse che, tutti coloro che si fossero sottomessi a lui sarebbero discesi e avrebbero avuto il potere di fare il male e il bene come Dio in alto, e che per loro sarebbe stato molto meglio essere in basso e fare il male e il bene che essere in alto dove Dio non dava loro che il bene, e così salirono su un cielo di vetro e, appena vi furono saliti, caddero e furono perduti, e Dio discese dal cielo con dodici Apostoli e si adombrò in santa Maria”.