GIOVANNI SENZA TERRA

(Beaumont, 24 dicembre 1166 - Newark, 18-19 ottobre 1216)

 
                                        
 

 

Giovanni Senza Terra (24 dicembre 1166 - 18/19 ottobre 1216), duca di Normandia, regnò come Re d'Inghilterra dal 6 aprile 1199, fino alla sua morte.

Inghilterra (Cartina 1065)

Inghilterra e Francia (Cartina al tempo di Enrico I)

Inghilterra e Francia (Cartina 1152 - 1327)

Inghilterra e Francia (Cartina X - XIV secolo)

Inghilterra - Cartina (Antica illustrazione)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di A. Stieler)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Alex Findlay)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Edward Stanford)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Frederic De Wit)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Henry Abraham Chatelain)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Hermann Moll)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di J. Rapkin)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di J. Walker)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di J. Walker)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Joannes Jansonnius)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Matthaus Merian)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Mercator)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Mercator)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Nicholas De Fer)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Nicolaas Visscher)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Nicolas Sanson)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Orr & Co.)

Inghilterra - Cartina (Illustrazione di Thomas Starling)

Inghilterra (Cartina)

Inghilterra (Veduta dal satellite)

Inglese - Arciere

Inglese - Arciere a cavallo

Inglesi - Arcieri in battaglia

Inglese - Cavaliere

Inglesi - Cavalieri in battaglia

Inglese - Guerriero

Inglesi - Guerrieri

Inglesi - Guerrieri in battaglia (Illustrazione di Richard Caton Woodville)

Inglese - Arciere (Miniatura)

Inglesi - Arcieri (Miniatura)

Inglese - Capitano (Miniatura)

Inglese - Cavaliere (Miniatura)

Inglesi - Cavalieri con stendardo (Miniatura)

Inglese - Guerriero con stendardo (Miniatura)

Inglese - Guerriero (Miniatura)

Inglese - Guerriero XIV secolo (Miniatura)

Inglesi - Guerrieri (Miniatura)

Inglesi - Guerrieri con stendardo (Miniatura)

Inglesi - Arcieri con stendardo (Miniatura)

Inglesi (Spada)

Inghilterra (Stemma)

Inghilterra (Bandiera)

Fu il fratello più giovane di re Riccardo I Cuor di Leone. Giovanni d’Inghilterra è passato alla storia con il nome di Giovanni Senza Terra per la sua mancanza di eredità come il figlio più giovane di Enrico II re d’Inghilterra, per la perdita del suo territorio in Francia e a causa "della Morbida-spada" (inettitudine nelle questioni militari). Fu un re di Angevin della dinastia dei Plantageneti.

Giovanni Senza Terra

Giovanni Senza Terra (Illustrazione di Cassell - Storia d'Inghilterra)

Giovanni Senza Terra (Miniatura)

Plantageneti (Cartina possedimenti in Francia e Inghilterra nel XII secolo)

Plantageneti (Cartina possedimenti in Francia nel XII secolo)

Plantageneti (Stemma)

Plantageneti (Bandiera)

Nacque nel palazzo di Beaumont, Oxford, Giovanni Senza Terra fu il quinto figlio del re Enrico II d'Inghilterra e di Eleonora d’Aquitania.

Aquitania (Stemma)

Bandiera

Quasi certamente nacque nel 1166 anziché nel 1167, come a volte fu scritto. Il re Enrico II e la regina Eleonora d’Aquitania non furono insieme nei nove mesi prima di dicembre del 1167, ma furono insieme nel mese di marzo del 1166. Inoltre, Giovanni Senza Terra nacque il 24 dicembre o il giorno di Natale a Oxford, e il Natale del 1167 Enrico II e Eleonora d’Aquitania lo passarono in Normandia. Il canonico di Laon, scrisse cento anni dopo, che Giovanni Senza Terra fu chiamato con questo nome in onore di San Giovanni l’Apostolo che viene festeggiato il giorno 27 dicembre. Anche Ralph di Diceto inoltre dichiarò che la regina Eleonora d’Aquitania diede alla luce un bambino nel 1166 dandogli il nome di Giovanni.

Giovanni Senza Terra a caccia di cervi (Manoscritto Biblioteca Britannica)

Fu il fratello di mezzo, più grande di Maria di Champagne e di Alis di Francia.

Champagne (Stemma)

Francobollo Bandiera Bandiera

Fu il fratello più giovane di Guglielmo, conte di Poitiers, Enrico il Giovane, Matilde d'Inghilterra, Riccardo I Cuor di Leone, di Goffredo II, duca di Bretagna.

Poitiers - Francia (Cartina)

Poitiers (Cartina)

Poitiers - Cartina (Antica illustrazione)

Poitiers - Cartina (Illustrazione di Abraham Orteliu)

Poitiers (Antica illustrazione)

Poitiers (Illustrazione di Braun e Hogemberg)

Poitiers (Stemma)

Francobollo Bandiera

Bretagna (Stemma)

Bretagna (Bandiera)

Francobollo

La vita familiare di Giovanni Senza Terra fu tumultuosa, con i suoi fratelli più grandi implicati nelle ribellioni contro il loro padre Enrico II. Eleonora d’Aquitania fu incarcerata nel 1173, quando Giovanni Senza Terra era un piccolo ragazzo. Geraldo del Galles notò che il re Enrico II aveva un dipinto curioso in una camera del castello di Winchester, raffigurante un'aquila che veniva attaccata da tre pulcini, mentre un quarto pulcino, aspettava il momento di colpire. Una volta chiesto il significato di questo dipinto, il re Enrico II disse:
"i quattro giovani dell'aquila sono i miei quattro figli, che non cesseranno di perseguitarmi neppure sul punto di morte. Ed il più giovane, che ora abbraccia con tenero affetto, qualche giorno dopo lo affliggerà più grandemente di tutti gli altri". Prima della sua elezione a re d’Inghilterra, Giovanni Senza Terra aveva acquistato una reputazione da cospiratore a volte con ed a volte contro i suoi fratelli più grandi, Enrico il Giovane, Riccardo I Cuor di Leone e Goffredo II. Nel 1184, Giovanni Senza Terra e Riccardo I Cuor di Leone dissero entrambi di essere gli eredi legittimi dell’Aquitania. Nel 1185, Giovanni Senza Terra diventò reggente d'Irlanda, ma la gente che lo disprezzava indusse Giovanni Senza Terra ad andare in Irlanda otto mesi dopo. Durante l’assenza di Riccardo I Cuor di Leone che partecipò alla Terza Crociata dal 1190 al 1194, Giovanni Senza Terra tentò di usurpare il trono al reggente al trono d’Inghilterra Guglielmo “Longchamp” vescovo di Ely, indicato da Riccardo I Cuor di Leone. Ciò fu uno degli eventi che ispirarono successivamente gli scrittori a descrivere Giovanni Senza Terra come il furfante della leggenda di “Hereward il risveglio” di Robin Hood.

Robin Hood (Miniatura) Robin Hood (Miniatura)

Robin Hood (Miniatura)

Robin Hood (Statua - Nottingham - Inghilterra)

Mentre tornava dalla Terza Crociata, Riccardo I Cuor di Leone fu catturato e incarcerato da Enrico VI, Imperatore del Sacro Romano Impero.

Sacro Romano Impero (Stemma)

Bandiera

Giovanni Senza Terra scrisse una lettera ad Enrico VI, in cui gli chiedeva di continuare a tenere Riccardo I Cuor di Leone in carcere e lontano dall’Inghilterra il più a lungo possibile. Ma i sostenitori di Riccardo I Cuor di Leone, tra cui sua madre Eleonora d’Aquitania, pagarono un forte riscatto per il suo rilascio in quanto pensarono che Giovanni Senza Terra sarebbe stato un re terribile. Al suo ritorno in Inghilterra nel 1194, Riccardo I Cuor di Leone perdonò suo fratello Giovanni Senza Terra e lo indicò come suo erede. Alcuni storici sostennero che Giovanni Senza Terra non tentò di usurpare il trono a Riccardo I Cuor di Leone, ma piuttosto fece del suo meglio per migliorare un paese rovinato dalle tasse eccessive che Riccardo I Cuor di Leone aveva messo per finanziare la Terza Crociata. È più probabile che l'immagine di usurpatore fu data a Giovanni Senza Terra dalle cronache successive del monaci, che si risentirono del suo rifiuto a partecipare alla Quarta Crociata.

Giovanni Senza Terra (Sigillo)

Quando Riccardo I Cuor di Leone morì, Giovanni Senza Terra non fu immediatamente riconosciuto da tutti come re d’Inghilterra. Alcuni considerarono il suo giovane nipote, Arthur di Bretagna, figlio del fratello ritardato Goffredo II, come l'erede legittimo. Arthur di Bretagna combatté contro suo zio Giovanni Senza Terra per il trono d’Inghilterra, alleandosi con Filippo II Augusto re di Francia.

Francia (Cartina fine X secolo) Francia (Cartina fine X secolo)

Francia (Cartina 1035) Francia (Cartina 1100-1223)

Francia (Cartina 1154-1184) Francia (Cartina 1180-1189)

Francia (Cartina 1180-1314) Francia (Cartina 1328)

Francia (Cartina 1360) Francia (Cartina 1429)

Francia (Cartina 1453) Francia (Cartina XIII secolo)

Francia e Inghilterra (Cartina X-XIV secolo)

Francia - Cartina espansione periodo di Re Filippo II Augusto

Francia - Cartina (Antica illustrazione)

Francia - Cartina (Illustrazione di Abraham Ortelius)

Francia - Cartina (Illustrazione di Cellarius)

Francia - Cartina (Illustrazione di J. B. L. Charle)

Francia - Cartina (Illustrazione di J. Tallis)

Francia - Cartina (Illustrazione di Johann Maschenbauer e Elias Baeck)

Francia - Cartina (Illustrazione di Mattheus Seutter)

Francia - Cartina (Illustrazione di P. Cluver)

Francia - Cartina (Illustrazione di R. de Vaugondy)

Francia - Cartina (Illustrazione di Robert Morden)

Francia - Cartina (Illustrazione di T. Jefferys)

Francia - Cartina (Illustrazione di T. Stackhouse)

Francia - Cartina (Illustrazione di Thomas Starling)

Francia (Cartina)

Francia - Cartina (Province)

Francia (Veduta dal satellite)

Francese (Arciere) Francese (Balestriere)

Francese (Cavaliere)

Francese - Cavaliere e Arciere

Francesi - Cavalieri

Francesi - Cavalieri in marcia

Francesi - Cavalieri in battaglia

Francesi - Cavalieri in battaglia contro i Saraceni

Francesi - Cavalieri in battaglia - XV secolo

Francesi - Cavalieri di Outremer

Francesi - Cavalieri di Outremer in battaglia

Francesi - Cavalieri di Outremer in battaglia contro i Saraceni

Francese - Cavaliere di Outremer contro i Saraceni

Francese - Cavaliere di Outremer in preghiera

Francesi - Guerrieri in battaglia

Francesi - Guerrieri di Outremer

Francese - Guerriero di Outremer

Francese - Guerriero di Outremer con stendardo

Francese (Guerriero)

Francesi - Cavalieri con stendardi (Miniatura)

Francesi - Cavalieri con stendardo (Miniatura)

Francesi - Guerrieri (Miniatura)

Francesi - Cavalieri di Outremer con stendardi (Miniatura)

Francese - Cavaliere (Miniatura)

Francese - Cavaliere con stendardo (Miniatura)

Francese - Balestriere (Miniatura)

Francese - Guerriero con stendardo (Miniatura)

Francese - Guerriero con stendardo di Lorraine (Miniatura)

Francese - Guerriero di re Luigi VI (Miniatura)

Francese - Guerriero XV secolo (Miniatura)

Francese - Guerriero (Miniatura)

Francese - Guerriero di Outremer (Miniatura)

Francese - Guerriero di Outremer con stendardo 1250 (Miniatura)

Francesi (Spada)

Il conflitto fra Arthur di Bretagna e il re Giovanni Senza Terra ebbe conseguenze mortali. I baroni di Poitou si ribellarono a Giovanni Senza Terra e chiesero l’aiuto al Re di Francia Filippo II Augusto che era in contrasto con il re inglese riguardo a determinati territori sul continente.

Poitou (Bandiera)

Francobollo

Nel 1202, Giovanni Senza Terra fu chiamato dalla corte francese a rispondere delle spese sostenute. Giovanni Senza Terra si rifiutò e, secondo la legge feudale, a causa del suo modo errato di servire il suo signore, Filippo II Augusto rivendicò le terre e i territori di Giovanni Senza Terra in qualità di Conte di Poitou tranne Gascogne. Filippo II Augusto invase subito la Normandia e diede ad Arthur di Bretagna tutto ciò che apparteneva a Giovanni Senza Terra (tranne la Normandia) che diede a sua figlia Maria. Giovanni Senza Terra avendo bisogno di rifornire il suo esercito nella guerra contro Filippo II Augusto attraverso la Manica e ordinò nel 1203 a tutti i cantieri navali (compreso Gloucester) in Inghilterra di fornire almeno una nave, il nuovo porto di Portsmouth fu responsabile dei vari. Rese Portsmouth la nuova sede della marina (il re anglo-Sassone, quale Edoardo il Confessore, ebbe come porti reali Sandwick e Kent). Per la fine del 1204, Giovanni Senza Terra ebbe 45 grandi navi disponibili per lui e da quel momento in poi una media di quattro nuove navi ogni anno. Inoltre fece costruire un Ministero della Marina con quattro ammiragli, responsabili per varie parti della nuova Marina. Durante il regno di Giovanni Senza Terra, importanti miglioramenti furono apportati nel disegno delle navi, compreso l'aggiunta delle vele. Inoltre fece costruire le prime grandi navi da trasporto, denominate “buisses”. Giovanni Senza Terra viene a volte accreditato come il fondatore della Marina Reale moderna. Nella speranza di evitare le difficoltà in Inghilterra e nel Galles mentre era assente per la guerra contro Filippo II Augusto per cercare di recuperare le sue terre francesi, nel 1205, Giovanni Senza Terra formò un'alleanza facendo sposare la sua figlia illegittima Giovanna, al principe del Galles Llywelyn il Grande. Nel corso della guerra, Arthur di Bretagna tentò di rapire la sua propria nonna, Eleonora d’Aquitania, a Mirebeau, ma fu sconfitto e arrestato dai soldati di Giovanni Senza Terra. Arthur di Bretagna fu incarcerato in un primo momento a Falaise e in seguito a Rouen. Nessuno seppe in seguito che cosa successe ad Arthur di Bretagna. Secondo gli Annali di Margam, il 3 aprile 1203: il re Giovanni Senza Terra :"Dopo aver bloccato Arthur e mantenutolo vivo in prigione per un certo tempo nel castello di Rouen... (Giovanni) che aveva bevuto fu posseduto dal diavolo e con la sua propria mano legò una pietra pesante al corpo (di Arthur) e lo lanciò nella Senna".
Tuttavia, l'ufficiale che comandava la fortezza di Rouen, Hubert de Burgh, nella Pasqua intorno al 1203, mentre stava portando Arthur di Bretagna agli agenti del re Giovanni Senza Terra che avevano avuto l’ordine di castrarlo, disse che Arthur di Bretagna morì per lo shock. Hubert de Burgh in seguito ritrattò la sua dichiarazione dicendo che Arthur di Bretagna era ancora vivo, ma nessuno vide più vivo Arthur di Bretagna e la supposizione che fosse stato assassinato causò la ribellione contro Giovanni Senza Terra della Bretagna e della Normandia. Oltre ad Arthur di Bretagna, Giovanni Senza Terra mise in prigione anche Eleonora di Bretagna. Eleonora di Bretagna rimase in prigione per il resto della sua vita (che si concluse nel 1241). Nel 1203, Giovanni Senza Terra esentò i cittadini ed i commercianti di Bordeaux dalla “Grande Coutume” che fu la tassa principale sulle loro esportazioni. Lo sblocco dei porti diede ai commercianti di Gascogne l'accesso aperto al mercato vitivinicolo inglese per la prima volta.
L’anno seguente, Giovanni Senza Terra diede le stesse esenzioni a La Rochelle ed a Poitou.

Giovanni Senza Terra (Moneta) Giovanni Senza Terra (Moneta)

Giovanni Senza Terra (Moneta)

Quando Hubert Walter, l'Arcivescovo di Canterbury morì il 13 luglio 1205, Giovanni Senza Terra fu implicato in una disputa con il papa Innocenzo III.

Canterbury (Stemma)

I monaci della Chiesa di Cristo a Canterbury volevano essere loro a scegliere il successore d Hubert Walter, ma sia i vescovi inglesi che il re d’Inghilterra avevano un forte interesse nella scelta del successore a questo potente ufficio. Quando ancora era in corso la disputa, i monaci scelsero segretamente uno dei loro membri come Arcivescovo. Una seconda elezione, imposta da Giovanni Senza Terra indicò un altro candidato. Entrambi i candidati andarono a Roma dal papa Innocenzo III che non riconobbe nessuno dei due, neanche l’Arcivescovo di Canterbury Stefano Langton, che era stato scelto da Giovanni Senza Terra. Innocenzo III ignorò così i diritti del re nella selezione dei suoi propri vassalli. Giovanni Senza Terra fu sostenuto nella sua posizione dai baroni inglesi e da molti dei vescovi inglesi. Giovanni Senza Terra espulse i monaci di Canterbury nel mese di luglio del 1207 ed il papa Innocenzo III ordinò un "interdetto" contro il regno. L'interdetto fu una difficoltà per molti, ma non provocò la ribellione contro Giovanni Senza Terra. Nel mese di novembre 1209 Giovanni Senza Terra stesso fu scomunicato e, nel mese di febbraio del 1213, il papa Innocenzo III minacciò più forti misure a meno che Giovanni Senza Terra non si presentasse per un accordo. I termini papali per la presentazione furono accettati in presenza del legato papale Pandulph nel mese di maggio 1213 (secondo Matteo Parigi, nella chiesa dei Cavalieri Templari a Dover); in più, Giovanni Senza Terra offrì di cedere il regno dell'Inghilterra a Dio e a san Pietro e Paolo per un servizio feudale di 1000 soldi l’anno, 700 per l'Inghilterra e 300 per l’Irlanda, con questa presentazione, formalizzata nella “Bulla Aurea” (Bolla Dorata), Giovanni Senza Terra si guadagnò l’importante aiuto papale nella sua nuova disputa con i baroni inglesi. Dopo aver sedato con successo la Rivolta gallese del 1211 e trovato un accordo con il papa Innocenzo III, Giovanni Senza Terra poté rivolgere le sue attenzioni e i suoi interessi oltremare. Le guerre fatte in Europa culminarono nella sconfitta di Giovanni Senza Terra, nella battaglia di Bouvines, che forzò il re d’Inghilterra ad accettare una pace sfavorevole con la Francia di Filippo II Augusto. Questo fatto infine fece ribellare i baroni contro Giovanni Senza Terra (alcuni baroni si erano già ribellati contro di lui dopo essere stato scomunicato) che venne a contatto dei loro capi a Runnymede, vicino a Londra, il 15 giugno 1215, per sigillare la grande lettera denominata, in Latino, “Magna Carta”.

Magna Carta Magna Carta

Giovanni Senza Terra firma la "Magna Carta"

Giovanni Senza Terra firma la "Magna Carta"

Giovanni Senza Terra firma la "Magna Carta" (Illustrazione di Cassell - Storia d'Inghilterra)

Poiché Giovanni Senza Terra aveva firmato sotto coercizione, malgrado l’approvazione di papa Innocenzo III, ruppe la sua parola non appena le ostilità cessarono, provocando la Prima Guerra dei Baroni con a capo il principe francese Luigi VIII il Leone (che Giovanni Senza Terra, insieme a molti baroni inglesi, aveva chiamato per salire sul trono d’Inghilterra al posto di Riccardo I Cuor di Leone). Giovanni Senza Terra viaggiò lungo il paese per sconfiggere le forze ribelli, facendo una battaglia personale di due mesi contro i ribelli del castello di Rochester. Ritirandosi dall'invasione francese, Giovanni Senza Terra prese una via sicura intorno alla zona del Wash per evitare la regione tenuta dai ribelli dell’Anglia orientale. Mentre procedeva in modo molto lento a causa del suo bagaglio (gioielli della Corona), nel guadare un fiume perse il prezioso bagaglio a causa di una inattesa marea. Ciò causò a Giovanni Senza Terra un colpo terribile, che interessò la sua salute sia fisica che mentale. Giovanni Senza Terra muovendosi da un posto all’altro, rimase una notte al castello di Sleaford, e nel 18 o 19 ottobre 1216 nel castello di Newark (Lincolnshire) dove morì di dissenteria. Dopo la sua morte circolarono voci in cui si diceva che Giovanni Senza Terra era stato ucciso da una birra inglese avvelenata, dalle prugne avvelenate o "da una quantità eccessiva di pesche".

Giovanni Senza Terra fu sepolto nella cattedrale di Worcester nella città di Worcester.

Giovanni Senza Terra (Tomba) - Cattedrale di Worcester - Inghilterra)

Giovanni Senza Terra (Tomba) - Cattedrale di Worcester - Inghilterra)

Giovanni Senza Terra (Tomba) - Cattedrale di Worcester - Inghilterra)

Giovanni Senza Terra (Tomba) - Cattedrale di Worcester - Inghilterra)

Giovanni Senza Terra (Tomba) - Cattedrale di Worcester - Inghilterra)

Suo figlio diventò re d’Inghilterra (1216-1272) con il nome di Enrico III anche se Luigi VIII il Leone continuò ad esigere il trono inglese, i baroni dichiararono la loro fedeltà al nuovo re, forzando Luigi VIII il Leone a firmare il Trattato di Lambeth nel 1217. Il regno di re Giovanni Senza Terra fu caratterizzato tradizionalmente come uno dei più disastrosi nella storia inglese: cominciò con una sconfitta in cui perse la Normandia a favore del re di Francia Filippo II Augusto. Nel 1213, causò all'Inghilterra un interdetto papale per risolvere un conflitto con la Chiesa Cattolica ed i suoi baroni ribelli lo forzarono a firmare la “Magna Carta” nel 1215, l'atto per cui si ricorda in modo positivo. Alcuni dissero, tuttavia, che il modo di regnare di Giovanni Senza Terra non fu ne migliore ne peggiore di quello del re Riccardo I Cuor di Leone o del re Enrico III, aggiungendo che (diversamente da Riccardo I Cuor di Leone) passò la maggior parte del suo regno in Inghilterra. La sua reputazione fu un motivo per cui molti monarchi inglesi non diedero il nome di Giovanni ai loro eredi. Nel 1189, Giovanni Senza Terra sposò Isabella di Gloucester, figlia di Guglielmo Fitz Robert di Gloucester (conosciuta storicamente con parecchi nomi alternativi, compreso Avisa, Hawise, Giovanna ed Eleonora). Non ebbero figli e Giovanni Senza Terra fece annullare il matrimonio poco prima o subito dopo la sua salita al trono, che avvenne il 6 aprile 1199 e non fu mai riconosciuta come regina. Isabella di Gloucester sposò allora Goffredo di Mandeville come suo secondo marito e Hubert de Burgh come terzo. Giovanni Senza Terra si risposò il 24 agosto 1200, con Isabella di Angouleme, che era di venti anni più giovane. Fu la figlia di Aymer Taillefer, conte di Angouleme e promessa a Ugo X di Lusignano. Giovanni Senza Terra con Isabella di Angouleme ebbe cinque figli, due maschi (Enrico e Riccardo) e tre figlie (Giovanna, Isabella ed Eleonora). Giovanni Senza Terra ebbe molti figli illegittimi. Roger di Wendover descrisse un avvenimento che accadde quando Giovanni Senza Terra si era innamorato di Margaret, moglie di Eustace de Vesci una figlia illegittima del re Guglielmo I di Scozia. Eustace de Vesci sostituì sua moglie Margaret con una prostituta nell’oscurità della notte, quando Giovanni Senza Terra venne nella sua dimora; il mattino dopo, quando Giovanni Senza Terra si vantò di quanto sua moglie fosse stata buona con lui, Eustace de Vesci confessò l’inganno e fuggì.

Giovanni Senza Terra ebbe i seguenti figli illegittimi:

Giovanna, la moglie di Llywelyn Fawr, (da una donna chiamata Clemence); Riccardo Fitz Roy, (dalla sua cugina, Adele, figlia di suo zio Hamelin de Warenne); Oliver FitzRoy, (da Hawise) che accompagnò il Legato papale a Damietta nel 1218 e non fece più ritorno.

Con altre donne sconosciute Giovanni Senza Terra generò:

Goffredo FitzRoy, che andò nella spedizione di Poitou nel 1205 e lì vi morì; Giovanni FitzRoy, un impiegato nel 1201; Enrico FitzRoy, che morì nel 1245; Osbert Gifford, che gli furono date le terre in Oxfordshire, in Norfolk, in Suffolk e Sussex, morì forse nel 1216; Eudes FitzRoy, che accompagnò suo fratello Riccardo alla Settima Crociata dove vi morì nel 1241; Bartolomeo FitzRoy, un membro dell'Ordine dei Domenicani; Maud FitzRoy, Badessa di Barking, che morì nel 1252; Isabella FitzRoy, moglie di Riccardo Fitz Ives; Filippo FitzRoy, che morì nel 1263.

(Il cognome di FitzRoy fu Normanno-Francese e venne dato per il figlio del re).

L'analfabetismo presunto di Giovanni Senza Terra nell’approvare la “Magna Carta” in quanto non avrebbe potuto firmarla, perché avrebbe difettato della capacità di leggere e scrivere, fu un’inesattezza in quanto Giovanni Senza Terra ebbe una grande biblioteca che apprezzò fino alla conclusione della sua vita. Se gli autori originali di questo errore semplificarono eccessivamente per scrivere per dei bambini, o se si informarono male, questo fatto rimase sconosciuto. Come conseguenza di queste scritture, le generazioni future si sono ricordate male principalmente di due cose circa "il re cattivo Giovanni".
(L'altro fatto fu che, se Robin Hood non fosse intervenuto, il principe Giovanni Senza Terra avrebbe sottratto i soldi del riscatto del re Riccardo I Cuor di Leone). Il re Giovanni Senza Terra realmente firmò la brutta copia della lettera che i partiti di negoziazione avevano scritto nella tenda sull'isola di Charter a Runnymede dal 15 al 18 giugno del 1215, in quanto gli impiegati e gli scrivani che lavoravano negli uffici reali ebbero bisogno di un certo tempo per andare a casa a preparare le copie finali, che sigillarono e portarono ai funzionari adatti. In quei giorni, i documenti giuridici furono resi ufficiali dai sigilli e non dalle firme.

(Neppure oggi, molti documenti giuridici non sono considerati efficaci senza il sigillo di un pubblico notaio o di un funzionario corporativo, e sulle forme legali stampate quali gli atti vi è scritto "L. S." vicino alle linee della firma. In latino “locus sigilli” "posto del sigillo", indica che il sigillo è stato usato al posto della firma come sostituto). Quando Guglielmo il Conquistatore (e la sua moglie) firmarono l'accordo di Winchester nel 1072, per esempio, tutti i vescovi firmarono con le croci, cosa che in seguito fu fatta dalla gente analfabeta, ma che in quel periodo storico fu in conformità con la pratica legale in vigore, non perché i vescovi non fossero in grado di scrivere i loro propri nomi.

Enrico II progettò inizialmente per suo figlio Giovanni Senza Terra una formazione per poter entrare nella Chiesa. Nel 1171, tuttavia, Enrico II iniziò le trattative per ottenere una moglie per suo figlio Giovanni Senza Terra con il conte Umberto III di Savoia. Dopo quel colloquio la prospettiva di entrare nella Chiesa svanì. Entrambi i genitori di Giovanni Senza Terra (Enrico II ed Eleonora d’Aquitania) ebbero una buona formazione; Enrico II conobbe sei lingue ed Eleonora d’Aquitania prese parte alle conferenze di quella istituzione che in seguito diventò l'Università di Parigi oltre ad aver imparato di questioni legali, di governo, di religione e di letteratura. Giovanni Senza Terra stesso ebbe uno degli educatori migliori di tutto il regno d'Inghilterra. Alcune annotazioni sui libri mostrarono che lesse, tra l’altro: “De Sacramentis Christianae Fidei” di Ugo di st. Victor, “Sentenze” di Pietro Lombardo, il “Trattato” di Origene e una storia di “Roman de Brut” dell'Inghilterra di Robert Wace, basata su Goffredo di Monmouth “Historia Regum Britanniae”.

Stemma di Giovanni Senza Terra Duca di Normandia

Stemma di Giovanni Senza Terra Re d'Inghilterra

ALBERO GENEALOGICO

Giovanni “Senza Terra”, Re d’Inghilterra
n. 24 Dic. 1166
d. 18 Ott. 1216

Enrico II “Mantello Corto”, Re d’Inghilterra
n. 5 Mar.1133
d. 6 Lug. 1189

Goffredo V “Plantageneto”, Conte d’Angiò
n. 24 Ago. 1113
d. 14 Set. 1151

Matilda “l’Imperatrice”, Regina d’Inghilterra
n. 1103
d. 10 Set. 1167

Eleonora d’Aquitania, Regina d’Inghilterra
n. c. 1122
d. 31 Mar. 1204

Guglielmo X “il Toulousain”, Duca di Guyenne, Conte di Poitiers
n. 1090 ?
d. 9 Apr. 1137

Eleonora di Chatellerault
n. a 1109
d. a Mar. 1130