TANCREDI D'ALTAVILLA

(1072 - 1112)

 
                                                                                                     
 

 

Tancredi d’Altavilla (1072 – 1112) fu principe di Galilea (1099/1110-1112), principe di Antiochia (1111-1112).

Tancredi d'Altavilla


Figlio di Oddone di Bonmarchis e di Emma di Altavilla, sorella di Roberto il Guiscardo.

Altavilla (Stemma)

Con lo zio Boemondo I di Antiochia fu uno dei più brillanti capi della prima crociata, nel corso della quale si distinse particolarmente alla conquista di Antiochia (1098) e di Gerusalemme (1099).

Tancredi d'Altavilla conquista Tarso (Biblioteca Nazionale di Francia)

Tancredi d'Altavilla e Boemondo I di Antiochia in battaglia nella Prima Crociata

Tancredi d'Altavilla in battaglia sul Monte degli Ulivi a Gerusalemme nel Luglio del 1099 (Illustrazione di Emile Signol)

Tancredi d'Altavilla conquista Betlemme - 6 Giugno 1099 (Illustrazione di Pierre Henri Revoil)

Dal 1104, durante l'assenza di Boemondo I di Antiochia, resse il principato di Antiochia e, alla sua morte (1111), lo ereditò. Oltre che contro i Turchi, combatté contro l'imperatore bizantino Alessio I Comneno, che aspirava al possesso di Antiochia. Tancredi d’Altavilla non si riconobbe mai vassallo dell'imperatore bizantino, come era stato pattuito agli inizi della crociata.

Tancredi d'Altavilla (Miniatura)

Tancredi d'Altavilla (Moneta)

Abile e valoroso difensore del principato d'Antiochia insidiato dai musulmani, da Bisanzio e dal regno di Gerusalemme, morì forse avvelenato.

Tancredi d'Altavilla muore - 1112 (Illustrazione di Joseph Benoit Suvée)

Torquato Tasso fece di lui, nella sua opera la “Gerusalemme liberata”, uno dei maggiori eroi: il giovane gentile e valoroso, che suscita l'amore della giovinetta Erminia, ma a sua volta ama Clorinda, con la quale però, senza riconoscerla, si scontra in duello, uccidendola.